Spedizione gratuita per ordini superiori a €70

Il tartufo estivo (Tuber aestivum), è un fungo ipogeo molto apprezzato nella cucina italiana e internazionale. Questo prelibato ingrediente vanta una storia affascinante e numerose curiosità che lo rendono unico nel suo genere.

Scopriamo insieme le origini, le caratteristiche e gli utilizzi di questo straordinario prodotto della natura.

Origini e diffusione del tartufo estivo

Il tartufo estivo, noto anche come tartufo scorzone, ha origini antiche e si trova in diverse regioni d’Italia, in particolare nel Centro e nel Nord. La sua presenza è documentata fin dall’epoca romana, quando veniva utilizzato sia in cucina che per scopi medicinali.

Oggi, il tartufo estivo è diffuso in molti paesi europei, tra cui Francia, Spagna e Germania, oltre che in alcune zone dell’Asia e dell’Australia.

Caratteristiche organolettiche e nutrizionali

Lo scorzone, noto per il suo aroma penetrante e gusto sottile che ricorda i porcini, si presenta con una polpa che varia dal nocciola chiaro al marrone, attraversata da venature bianche evidenti. Questo rende ogni pezzo unico non solo alla vista ma anche al palato.

Dal punto di vista nutrizionale, il tartufo estivo offre un profilo ricco e benefico. È una fonte preziosa di proteine e fibre, elementi essenziali per il benessere del sistema digestivo e per il mantenimento di una dieta equilibrata. Inoltre, è ricci di minerali come il potassio e il fosforo, indispensabili per il corretto funzionamento muscolare e per la salute delle ossa.

Non meno importante è il suo contenuto di vitamina C e antiossidanti, che giocano un ruolo chiave nella protezione delle cellule contro i danni dei radicali liberi, contribuendo così a contrastare l’invecchiamento cellulare e a rafforzare il sistema immunitario.

Periodo di raccolta e metodi di cerca

Il tartufo scorzone, prezioso gioiello della gastronomia, raggiunge il suo apice di maturazione durante i mesi estivi, tra giugno e agosto. Tuttavia, la sua stagione di raccolta si estende da maggio a settembre, offrendo agli appassionati un ampio periodo per dedicarsi a questa attività affascinante.

I tartufai, esperti nella ricerca di questi tesori sotterranei, si affidano all’olfatto straordinario dei loro cani addestrati. Questi animali, grazie al loro fiuto eccezionale, sono in grado di percepire l’aroma inconfondibile del tartufo nascosto nel terreno.

Il legame tra il tartufaio e il suo cane è fondamentale per il successo della ricerca. Si tratta di una collaborazione basata sulla fiducia reciproca e su anni di addestramento, che permette di localizzare con precisione i preziosi funghi. Questa sinergia uomo-animale rappresenta un esempio affascinante di come le abilità umane e quelle canine possano combinarsi per raggiungere risultati straordinari.

La ricerca del tartufo scorzone richiede una conoscenza approfondita del territorio, delle condizioni climatiche e degli ecosistemi in cui questi funghi prosperano. I tartufai esperti sanno interpretare i segni della natura, riconoscendo le aree più promettenti per la crescita dei tartufi.

Nonostante l’utilizzo di cani addestrati, la ricerca del tartufo scorzone rimane un’attività che richiede pazienza, perseveranza e un tocco di fortuna. Ogni escursione nei boschi o nei terreni adatti alla crescita di questi funghi è un’avventura unica, che mette alla prova le capacità del cercatore e del suo fedele compagno a quattro zampe.

È importante sottolineare come questa pratica debba essere condotta nel rispetto dell’ambiente e delle normative vigenti. La sostenibilità della raccolta è fondamentale per garantire la conservazione di questa preziosa risorsa naturale per le generazioni future.

Utilizzi in cucina e abbinamenti

Il Tuber aestivum è un ingrediente pregiato che rende unico il profilo di ogni piatto, grazie alla sua eccezionale capacità di adattamento e di valorizzazione dei sapori. Questo pregiato tartufo si abbina in modo armonioso con una varietà di ingredienti, dalle semplici uova e formaggi, fino a carni e pesci più raffinati. È particolarmente apprezzato nell’arricchire i classici della cucina italiana come pasta e risotti, trasformando ogni preparazione in un’esperienza culinaria indimenticabile.

Nella preparazione di primi piatti, il tartufo estivo può essere grattugiato o affettato sottilmente, offrendo una nota terrosa e sottile che si fonde bene con la cremosità dei risotti o la delicatezza delle paste fresche. Questo fungo è altresì ideale nei secondi: aggiunge un tocco di eleganza ai piatti a base di carne e fornisce un contrappunto gustativo nei piatti di pesce.

Non solo nei piatti caldi, il tartufo estivo si rivela un eccellente compagno nelle preparazioni fredde come carpacci e tartare, dove la sua presenza si fa sentire senza sovrastare gli altri ingredienti.

Per quanto riguarda gli abbinamenti con le bevande, questo ingrediente si accosta perfettamente a vini che rispecchiano la sua statura. I vini bianchi strutturati sono una scelta ideale, grazie alla loro capacità di complementare senza coprire il gusto del tartufo. Anche i vini rossi di media corposità si abbinano splendidamente, bilanciando la ricchezza aromatica del tartufo con la loro robustezza.

Conservazione e utilizzo del tartufo estivo

Per conservare al meglio il tartufo estivo, è consigliabile avvolgerlo in un panno di cotone e riporlo in frigorifero, preferibilmente in un contenitore ermetico. In questo modo, il fungo manterrà intatte le sue qualità organolettiche per alcuni giorni.

Prima di utilizzare lo scorzone, è bene spazzolarlo delicatamente per rimuovere eventuali residui di terra e lavarlo sotto acqua corrente fredda.

Curiosità sullo scorzone

Il tartufo scorzone cresce in simbiosi con le radici di alcune piante, come querce, noccioli e carpini. Questa simbiosi micorrizica è fondamentale per il suo sviluppo, poiché permette uno scambio di nutrienti tra il fungo e la pianta ospite.

Per quanto riguarda il terreno, il Tuber aestivum predilige suoli calcarei, ben drenati e ricchi di sostanza organica. È importante che il terreno non sia troppo compatto, per garantire una buona ossigenazione e un corretto drenaggio.

Oltre alle sue interessanti caratteristiche botaniche, il Tuber aestivum offre spunti creativi nel mondo della mixologia. Il suo aroma delicato e il sapore nocciolato si prestano a creare cocktail innovativi e raffinati. Immerso in liquori per infusione o aggiunto al momento dello shakeraggio, conferisce una nota distintiva e sofisticata ai drink.

Acquistare e degustare il tartufo estivo

Per acquistare tartufi estivi di qualità, è consigliabile rivolgersi a rivenditori specializzati o a negozi online affidabili. Scopri i nostri tartufi estivi freschi e lasciati conquistare dal loro profumo e sapore inconfondibili. Inoltre, per apprezzare appieno le caratteristiche di questo fungo ipogeo, ti invitiamo a provare le nostre selezioni di tartufi freschi, perfette per creare piatti gourmet e stupire i tuoi ospiti.

10% DI SCONTO!
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere un coupon sconto del 10% sul tuo prossimo ordine!
    ISCRIVITI
    Ho letto e accetto i termini e le condizioni